CONOSCERCI MEGLIO

z- Myriam
Capo Cucina

  • Data di ingresso in Club Med :
    Aprile 2004
  • Villaggi :
    Vittel, Wengen, Opio en Provence, Athenia, La Caravelle, Tignes Val Claret, Da Balaia, La Pointe aux Canonniers
  • Formazione :
    BEP (Brevetto di studi professionali) Cucina, Diploma professionale Cucina
Mini-CV
  • Capo Partita
  • Vice Capo Cucina
  • Capo Cucina
La mia vita sarebbe decisamente diversa in una cucina tradizionale.

Mi ricordo ancora, era l'aprile 2004. Ho deciso di entrare in Club Med perché sapevo che questa azienda offriva posti di lavoro nel settore alberghiero e della ristorazione ovunque nel mondo. All'epoca, volevo completare la mia formazione viaggiando per scoprire e apprendere nuove specialità culinarie.

Avendo già maturato diverse belle esperienze in un ristorante gastronomico e presso un ristoratore di lusso, naturalmente ho scelto il posto di Capo Partita. Ho fatto la mia prima stagione a Vittel, quindi ho proseguito in altre destinazioni: Svizzera, Grecia, Guadalupa, Portogallo… Bisogna sapere che la politica delle risorse umane di Club Med favorisce l'avanzamento all'interno dell'azienda, per cui sono passata da una posizione di Capo Partita a Vice Capo Cucina in soli 3 anni.

Oggi, svolgo la mansione di Capo Cucina al villaggio di La Pointe aux Canonniers, all'isola di Mauritius. La mia attività quotidiana? Realizzare i menu, gestire il bilancio e il personale di cucina. In questa professione, bisogna possedere buone conoscenze culinarie ed è molto importante essere organizzati e disponibili. Appassionata di cucina, adoro in particolare trasmettere le mie competenze al mio team e la ricompensa più bella per me è vedere che i componenti del mio team seguono i miei consigli ed evolvono.

Il Club mi ha consentito di acquisire sicurezza e vincere la timidezza. In Club Med, anche in qualità di cuoco, si ha la possibilità di entrare a contatto con i clienti, di scambiare qualche parola con loro per presentare loro i diversi piatti proposti al buffet. Molto spesso, mi dico che la mia vita sarebbe decisamente diversa in una cucina tradizionale e che sono molto fortunata a poter lavorare in posti così straordinari, con un team affiatato e motivato e in un'atmosfera estremamente conviviale. È proprio per questo che ho voglia di restare.