Notizie

INTERVISTA : Aurélien, ISTRUTTORE VELA

 

>>Candidati per l’offerta Istruttore Vela<<

 

 

Parlaci un po’ del tuo percorso prima di entrare a far parte del Club Med

Sono entrato in possesso della patente nautica che mi ha permesso di lavorare per una stagione presso un club di vela in Francia. I miei responsabili mi hanno trovato molto appassionato e competente e mi hanno spinto a diventare, l’anno successivo, responsabile a mia volta di una base nautica. Ho trascorso così 5 anni acquisendo esperienza nell’ambito prima di lanciarmi in una nuova avventura.

Cosa ti ha spinto ad entrare a far parte dell’equipe dei nostri resort?

Sicuramente il passaparola : alcuni membri della mia famiglia e delle persone che ho incontrato durante i miei anni di formazioni mi hanno sempre parlato bene del Club Med e mi hanno invogliato a provare. Il mio sogno era di fare esperienza con la vela in diverse parti del mondo, avendo la possibilità di viaggiare e conoscere nuove culture. Ed è proprio quello che offre il Club Med.

E’ facile crescere all’interno del Club Med ?

Direi che è molto legato alla motivazione e all’immagine che si dà di se stessi. Bisogna saper mostrare le proprie competenze e impegnarsi. Ho avuto la possibilità di avere un responsabile che ha creduto in me, che ha saputo parlarmi, motivarmi e farmi capire che potevo diventare molto di più all’interno del club. Sono rimasto affascinato delle prospettive di evoluzione che ho trovato qui.

Come ti ha accompagnato il Club Med in questo percorso di evoluzione professionale?

Il Club Med mi ha dimostrato che, come in ogni azienda e in ogni attività, c’è bisogno di persone motivate e competenti per far crescere e migliorare il servizio seguendo le aspettative dei clienti.

Cos’è che ti motiva ad alzarti ogni mattina ?

Un semplice esempio: lavoro in un posto meraviglioso, al sole, al fianco di un’equipe che mi dà tanto e alla quale do tanto con entusiasmo. E poi, nella posizione di responsabile nessun giorno è uguale al precedente, ci sono sempre cose da fare, da migliorare ed è sempre molto interessante.

E quindi, quali sono le tue nuove sfide, i tuoi obiettivi all’interno del Club Med ?

Una domanda molto interessante! Il prossimo obiettivo sul quale sto già lavorando è diventare esperto nautico della zona America, zona dove lavoro praticamente dall’inizio della mia carriera al Club. La mobilità è davvero una cosa fantastica.

Se dovessi dire qualcosa ai candidati che vogliono entrare a fare parte del Club Med, cosa diresti?

Consiglierei semplicementei di tentare l’avventura per farsi una loro idea. Essere GO non è un mestiere semplice, è uno stile di vita al quale si aderisce perchè si è convinti e si ha voglia di fare. E se non si prova, non si può giudicare. Io stesso ho spinto due miei ex colleghi del club della vela a tentare l’avventura. Come in tutte le aziende, ci sono dei momenti buoni e anche dei momenti che mettono molto alla prova. In ogni caso, quando avranno finito la stagione, avranno un sacco di bei ricordi e non si pentiranno di aver seguito il mio consiglio.

Per concludere, qual è il tuo più bel ricordo al Club Med ?

I miei migliori ricordi sono tutte le navigazioni fatte sotto il sole, nell’acqua azzura a 30° e certamente le serate e gli spettacoli ai quali ho partecipato con entusiasmo.